← Torna al blog

Ripartiamo… in punta di piedi

Nella foto Jonathan Safran Foer

ciao Acculturato,

Questa è la prima newsletter del 2022 e, in punta di piedi, ricominciamo con le nostre iniziative in presenza. Vediamo come butta…

Iniziamo con il farti conoscere il teatro Menotti di Milano che ospiterà una giovane compagnia, il Collettivo Menotti. Lo spettacolo che andremo a vedere è la versione teatrale di “Possiamo salvare il mondo prima di cena”, romanzo che, se lo hai letto, puoi confermare che lascia al lettore un segno tanto è forte la sua capacità di coinvolgimento.
Ti proponiamo l’adattamento teatrale del libro di Jonathan Safran Foer che narra, con straordinario impatto emotivo, la crisi climatica del nostro pianeta: lo fa alternando in modo originale storie di famiglia, ricordi personali, dati scientifici e suggestioni futuristiche. 

Una storia non facile da raccontare, un argomento che scuote gli animi, parole e musica potenti, capaci di accompagnare lo spettatore in un viaggio in cui la scienza lascerà il posto alle emozioni. L’invito naturalmente è anche alla lettura del libro.
L’appuntamento è per domenica pomeriggio 13 febbraio.
Fai clic qui sotto per scaricare la locandina.

L’altra iniziativa a cui sta lavorando Ester, è una nuova mostra in omaggio all’8 marzo e vedrà coinvolte le associazioni del territorio lariano che si dedicano alle donne.
Il progetto, ideato dalla curatrice Laura Ferrario, è volto a sensibilizzare gli spettatori riguardo al tema della violenza contro le donne ed a fornire un aiuto concreto.
Il ricavato delle opere vendute andrà in beneficenza a realtà territoriali che forniscono supporto concreto alle donne maltrattate.

La partecipazione è aperta a tutte le artiste e gli artisti, senza limite di età.
Sono ammesse tutte le espressioni artistiche. 

Se sei artista e vuoi conoscere i dettagli, fai clic qui sotto.

Se invece conosci qualche associazione (o ne sei socio) che potrebbe essere interessata a unirsi al progetto, facci sapere!
Grazie mille!

A presto,
Ester e Margherita

.* * *

.

Comments

comments

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.