La fabbrica del cioccolato (vera)… Johnny Depp lo immaginiamo!

, in

ciao ,

La giornata di oggi con la neve si presta a desiderare una bella cioccolata.
Infatti è proprio questo l’argomento principale di questa mail.

Chi partecipa spesso alle nostre iniziative si è già piacevolmente imbattuto nelle dolcezze che vedi nell’immagine: tavolette di raffinato cioccolato.

Tutto questo per anticiparti che stiamo preparando la nostra giornata dedicata alla sostenibilità.
Prendi nota e se puoi prendi anche un giorno di ferie: venerdì 3 marzo andiamo a visitare la Icam di Orsenigo.

Visiteremo l’azienda, parleremo con il titolare e conosceremo da vicino come un’azienda che è qui in Italia è riuscita a portare benessere a famiglie  dall’altra parte del mondo. Conosceremo le storie dei produttori di cacao di Perù, Uganda, Repubbblica Dominicana.

Non è finita!
Ricordi la foto incantevole della casa nel verde della scorsa newsletter? Sveliamo il mistero. Il pomeriggio sarà dedicato alla visita dell’Isola dei Cipressi situata nel lago di Pusiano.
Settimana prossima riceverai la locandina con i dettagli: il turismo PartecipAttivo si sta concretizzando a Como!

Terminiamo questa mail per ricordarti che ci sono gli ultimi biglietti per Caveman, lo straordinario spettacolo al Teatro Sociale di Como che ci farà concludere la giornata della donna mercoledì 8 marzo.

Anticipiamo infine che domenica 23 aprile stiamo organizzando la gita al Parco Sigurtà.
Infine, ti salutiamo indicandoti il link per vedere attraverso le foto com’è andata la nostra giornata a Venaria domenica scorsa.
Bellissima la compagnia!

https://www.facebook.com/689829091126435/photos/?tab=album&album_id=1095166207259386

 

Buon week end!

Ester e Margherita

* °  *  °  *  °  *

Pensavo fosse una semplice grattugia…

, in

unnamed

Buongiorno,

L’altro giorno sono andata a far la spesa alla Coop. Ho messo nel carrello anche una grattugia, quelle semplici, manuali. Adoro sentire il profumo del formaggio appena grattugiato.
Ma non andiamo fuori tema.
A casa, togliendola dall’involucro, mi sono accorta che aveva un adesivo sul retro che non avevo notato al supermercato: “Il prodotto è realizzato da Aziende impegnate a rispettare i diritti dei minori e dei lavoratori”.

Ecco…quella grattugia per me è diventata un simbolo.
Mi ha ricordato l’importanza di fare acquisti responsabili.
Dire e dirci che le cose non funzionano, che non ci sono più diritti per i lavoratori e che quanto mangiamo (purtroppo) è poco sano, è fin troppo facile.
Ci sfoghiamo e poi nulla cambia.
La conclusione (mi tocca dirlo) è che lamentarsi non è un diritto se non vi è impegno concreto.
Se vogliamo il meglio, qualcosa dovremo pur fare!
Nel mio piccolo, propongo le visite del turismo PartecipAttivo presso le aziende sostenibili, che rispettano i lavoratori e l’ambiente.

É un modo per dare un significato tangibile a quel che facciamo.
Diamo valore alle nostre gite!
Vi aspetto domenica 16 ottobre. Ultimi giorni per prenotare.

– Visita guidata a Cengio con Giorgio Baietti (scrittore e giornalista) che è ha tenuto un’ interessante presentazione sabato 8 ottobre presso la biblioteca di Olgiate Comasco.
Ne approfitto per ringraziare gli iscritti alla mailing list che vi hanno assistito!

Nel corso del pomeriggio della gita di 16 ottobre, saremo a Rocchetta di Cengio per partecipare alla tradizionale fiera “Zucca in piazza” (giunta alla 12^ edizione) con i produttori sostenibili “Terre di Bormia”.
Oltre a tantissimi intrattenimenti, ci sarà la battitura del moco (legume tipico del territorio, simile ai ceci) delle Valli della Bormida con macchine d’epoca.

Locandina Valbormida

– Cenacolo, ultima volta che replichiamo domenica 6 novembre 2016.
Aperte le adesioni per:

Cenacolo, speciale visita per bambini

Cenacolo, visita adulti

Infine vi segnalo questo viaggio da non perdere della biblioteca di Solbiate.
Per info e prenotazioni contattare i recapiti indicati in locandina.

Locandina Solbiate/Foresta Nera

Per la Valbormida, aspetto le vostre adesioni entro mercoledì

Per vedere le foto della nostra gita di domenica 2 ottobre alla Certosa eccovi il link: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.976465042462837.1073741883.689829091126435&type=1&l=43e3806096

A presto!

Margherita

* °  *  °  *  °  *

novità dal Cenacolo al sondaggio

, in

foto per newsletter

Buongiorno a tutti!
Sto lavorando silenziosamente dietro le quinte anche se mi manca tantissimo di vederci con le ns. gite.
Ho alcuni aggiornamenti e poi vi spiego il mistero della foto che introduce questa newsletter.
Cenacolo
La prossima data sarà domenica 25 settembre (avranno priorità gli iscritti in lista d’attesa dalla scorsa volta).
Le locandine sono scaribile nella sezione eventi di questo sito.
La formula è sempre quella dell e scorse volte:
un gruppo solo adulti e ragazzi.
e un gruppo per under13 accompagnati dai genitori (o nonni o zii, etc…)
Colgo l’occasione per ringraziare tutti i genitori che portano i bambini perchè
traspare la soddisfazione di vedere i loro pargoletti così curiosi.
Ho scambiato alcune riflessioni con qualche mamma che, a volte, si chiede:
“Chissà se i bambini ricorderanno queste cose? “
” Chissà se veramente apprezzano l’arte, il bello?”
Allora ho pensato di riportarvi quanto mi raccontò una signora tornando
a casa dopo  una visita a Palazzo Reale.
“Sono contenta – mi disse – alcuni giorni fa mio figlio desiderava
vedere la mostra di Picasso e mi ha chiesto di andare insieme.
Pensi la prima volta che lo abbiamo portato aveva otto anni.
Un’esposizione di opere di Picasso. Gli piace l’arte.
Negli anni, ogni volta che c’è stata una sua mostra, mi ha invitato ad andare con lui”.
Bello vero?
Vi ho sentito. Volete sapere quanti anni il figlio della signora.
E’ un quarantenne, a sua volta papà.
Bene. Proseguiamo.

– Casa Boschi
La visita teatralizzata prevista per il 12 giugno è stata rinviata .
Una parte consistente del gruppo è un’associazione che ha dovuto postecipare la data in autunno.

– mostra Joan Mirò, domenica 4 settembre
Aperte le iscrizioni.
Andando sulla pagina del sito, potete scaricare la locandina:
http://www.culturaintour.it/eventi/joan-miro-la-forza-della-materia-mudec-milano/

Mini sondaggio:
Organizzo per fine luglio un’iniziativa in Liguria con lo scrittore Giorgio Baietti.
Faremo con lui il percorso legato alla storia dei Templari e a tutti i misteri ad essi legati.
Visiteremo il museo del Vetro in occasione di “Altare Glass Fest”:
maestri vetrai al lavoro, alcuni dei quali provenienti dalla Francia e dalla Svizzera.

Proporrei  la gita sabato 23  luglio con servizio pullman così da
rientrare in giornata ed evitare il traffico della domenica sera.
L’iniziativa è aperta anche a coloro che fossero già in Liguria in vacanza.
Attendo un vs. riscontro così mi oriento verso la soluzione migliore.

Il progetto del Turismo PartecipAttivo prosegue e ho
pensato di farvi partecipi degli sviluppi. Vi racconterò dei passi
avanti ma anche e soprattutto dei miei fallimenti e dei NO che ricevo.
Perchè?
Per allenarmi e allenarci a creare il futuro che vogliamo nonostante
le fatiche e nonostante le avversità.
Voglio condividere con voi questo progetto perchè deve essere un
strumento che aiuti a promuovere il nostro territorio.

Per conoscere le mie gioie e i miei  dolori e confrontarmi con voi,
è sufficiente far  parte del gruppo su facebook: Vivere in pienezza è un’arte.
https://www.facebook.com/groups/culturaintour.gruppo/

Dimenticavo!
Oggi è un passo avanti e anche una bella soddisfazione: il turismo
PartecipAttivo ha fatto capolino in una tesi di laurea di uno studente
romano, Alberto Ianello. Il laureando (nel frattempo laureatosi)
ha detto ok per la pubblicazione di questa foto.Un mega saluto e fatemi sapere se vi interessa visitare il museo
del vetro con Baietti e la visita di una azienda sostenibile.

Buon fine settimana!
Margherita

* ° * ° * ° *

 

 

Un altro passo verso la valorizzazione della Valbormida

, in

LA STAMPA
Per scaricare l’articolo clicca qui accanto:LA STAMPA

L’11 marzo, presso il Centro Polifunzionale di Carcare si sono dati appuntamento numerosi rappresentanti delle Amministrazioni e delle Associazioni della Valbormida.

L’iniziativa organizzata e diretta da Generazioni Solidali – Anteas Savona con Next Nuova Economia per Tutti e l’agenzia di comunicazione Punto a Capo ha visto la collaborazione di Culturaintour di Cadorago e Valbormida Formazione. La riunione è stata introdotta da Franco Bologna (Sindaco di Carcare) e da Roberto Grignolo (Anteas), a seguire tanti interventi presentati da Giancarlo Debernardi (First Social Life).
L’obiettivo comune condiviso dai partecipanti è stato quello di fare rete coinvolgendo in una collaborazione duratura e produttiva tutti i soggetti presenti sul territorio: istituzioni, imprese, scuole, cittadini e terzo settore per valorizzare al massimo tutte le eccellenze e spiegare a studenti e cittadini che una nuova economia è possibile, vicina e reale.
L’importanza di creare e dare operatività ad un sistema di identità territoriale, a cui da tempo contribuisce il lavoro illustrato dalla Dott.ssa Brondi (Punto a capo), e gli strumenti utili per concretizzare un processo per la valorizzazione e lo sviluppo della Valbormida sul fronte storico-culturale, turistico e delle attività produttive sono stati i temi toccati dall’intervento di Giovanni Battista Costa, presidente di NeXt. “Le associazioni nelle quali confluiscono e agiscono con spirito solidaristico e volontaristico sempre più numerosi cittadini giovani e meno giovani, sono quelle che ci permettano di sostenere i progetti futuri e la promozione”. Diffondere le buone pratiche che abbiano una particolare attenzione all’ambiente e al futuro dei giovani, ad un’ecologia integrata, citando Papa Francesco, per riaffermare l’idea che solo con una maggiore attenzione su questi temi si possa uscire dalla crisi economica e sociale, Costa, ha concluso che “promuovere e divulgare l’emergere delle qualità è anche, da sempre, la missione della nostra azione formativa nelle scuole”.
Dalla scuola e con la scuola di Valbormida Formazione, si è mosso il contributo del suo direttore, Gian Piero Borreani, che aiutandosi con un breve filmato ha dimostrato come i ragazzi possano dare, attraverso l’apprendimento e lapratica, risultati concreti a quella ricerca, ad esempio nell’ambito enogastronomico, delle ricette tipiche, quelle magari più antiche e raccontate dai nostri vecchi ospiti delle case di riposo ai giovani volontari di Anteas che amorevolmente li assistono. A tal proposito ha annunciato il perseguimento di un ambizioso progetto per far dotare la scuola di un ristorante didattico che possa costituire un laboratorio dove sperimentare il recupero di tradizioni, saperi e sapori antichi e far sentire tutti attori senza esclusioni generazionali e di genere. Giancarlo Debernardi , a nome di tutti gli organizzatori, ha garantito il massimo sostegno a questa iniziativa che intravvede la possibilità di far incontrare – permettendo anche agli altri ristoratori di condividerne l’opportunità di parlare con i ragazzi – il mondo dell’associazionismo e della cooperazione per unire le migliori energie dell’impegno civile, della partecipazione civica e della responsabilità sociale.
Con l’occasione è stato presentato il progetto del Turismo partecipAttivo, che, nel luglio scorso aveva realizzato la prima visita presso le aziende del territorio, dando l’opportunità ai partecipanti di conoscere i processi produttivi sostenibilimessi in campo dalle imprese per una maggiore valorizzazione dei propri prodotti e dell’ambiente in cui vengono realizzati.
Si tratta di un nuovo tipo di Turismo, che premia i produttori che rispettano precisi criteri: ambientale e sociale in primis. “Il modo più diretto per premiarli”, ha spiegato Margherita Caruso, “è acquistare i loro prodotti dopo aver visitato l’azienda. Il consumatore può rivolgersi al titolare per porgli tutte le domande che vuole, senza mediazioni. Per questo si chiama ‪#‎turismoPartecipattivo‬”.
Per dare concretezza e impegno immediato è stata programmata per domenica 20 marzo una visita in ValBormida, per conoscere il territorio sia dal punto di vista storico-culturale che turistico e dare visibilità a quei produttori locali che, più di altri, si contraddistinguono per la qualità dei processi di lavorazione e per le materie prime impiegate.
Al termine di questa escursione sarà allestito a Carcare un Cash Mob Etico, ossia un mercato straordinario che vuol far emergere l’importanza del consumo responsabile. Verranno esposti i prodotti riconosciuti dal marchio “Terre di Bormia” in quanto costituiscono le eccellenze enogastronomiche della valle: dai tartufi ai formaggi, alle conserve, almiele ai bioliquori, alla birra e altre specialità.
Carcare, 12 marzo 2016
Giancarlo Debernardi e Margherita Caruso

WP_20160311_11_01_42_Pro
WP_20160311_10_48_43_Pro

* ° * ° * ° *

Gita in Valbormida con sorpresa

, in

screen locandina

ciao a tutti,

Domenica 20 marzo si avvicina velocemente e oggi vi comunico come promesso maggiori informazioni.

Vi porto a conoscere la Valbormida: un territorio che in passato è stato deturpato pesantemente, una valle che fu resa famosa per i grandi insediamenti industriali.
Il pesante impatto ambientale iniziò nel 1882 con la fabbrica di dinamite e i residui sversati nel fiume tanto che il pretore di Mondovì nel 1909 decise di vietare l’uso dei pozzi a Saliceto, Camerana e Monsiglio.
Poi una triste svolta: la fabbrica venne convertita a produzione di coloranti chimici.
Era l’Acna di Cengio, 1929

« Hai mai visto Bormida? Ha l’acqua color del sangue raggrumato, perché porta via i rifiuti delle fabbriche di Cengio e sulle rive non cresce più un filo d’erba. Un’acqua più porca e avvelenata, che ti mette freddo nel midollo, specie a vederla di notte sotto la luna. » (Beppe Fenoglio, Un giorno di fuoco, Einaudi)

Nel 1999 la fabbrica venne dismessa e iniziò un intenso e lungo periodo di bonifica che si è concluso alcuni anni fa.
Oggi prosegue con passione l’impegno delle associazioni, dei comuni e degli abitanti che hanno portato a far rivivere rigogliosa questa valle.
A crederci sono stati anche i produttori agroalimentari che nella loro terra credono e vi lavorano rispettando l’ambiente.
L’amore per il proprio paese alimenta nei residenti il desiderio di farne conoscere ad altri la storia e le risorse. Questo è possibile se davvero si è consapevoli delle ricchezze e dei valori del luogo dove si è nati o si vive.

E’ questa è la finalità del Turismo PartecipAttivo.
Far conoscere e valorizzare queste realtà per imparare le buone pratiche ed essere a nostra volta promotori e sostenitori del nostro territorio e dei produttori che si impegnano quotidianamente nella sostenibilità ambientale e sociale.

La valorizzazione del proprio territorio passa attraverso la cultura, la storia e le tradizioni.

La locandina è qui (cliccare sul titolo locandina Valbormida 20 marzo 2016-c) e il menu che vi anticipo qui di seguito:
(prego comunicarmi eventuali intolleranze alimentari).

Antipasti
salumi artigianali delle valli Bormida
rombi di polenta macinata a pietra con fonduta
tartine con pane fritto prodotto con farina madre –
Primi
ravioli al plin dell’osteria con sugo burro e salvia
tagliatelle con sugo di funghi –
Secondo
Gran brasato al vino rosso con contorni di stagione –
Dolci
Bunet alle uova in casseruola
torta con farine di castagne
Acqua, caffè, vino bio 1/2 litro a testa+ un bio liquore origine compresi.
farine selezionate bio, pasta fresca più tutto il resto e il pane cuoce nel forno a legna.

La quota è ridotta di 10 euro per i bambini.

Dimenticavo…. volete sapere la sorpresa?
Sul pullman verranno assegnati a sorteggio alcuni prodotti alimentari locali.

Domani sarò a Carcare (SV) per una conferenza che illustrerà il turismo PartecipAttivo, progetto promosso da NeXt Nuova Economia per Tutti.
Per chi volesse saperne di più:

Carcare (SV) conferenza sulla valorizzazione della Valbormida


Vi racconterò.

Vi aspetto numerosi​ e, se volete, inoltrate questa iniziativa alle associazioni o agli amici!

Buona giornata !
Margherita
* ° * ° * ° *

Iniziativa zero: l’inizio!

, in

iniziativa zero

​ciao a tutti,

Prima di tutto un riepilogo:

prossima iniziativa domenica 6 marzo 2016, Vigna Leonardo
Grazie tantissimo per le adesioni.
Saremo una trentina e vi contatterò con una mail per accordarci sul ritrovo.


– domenica 24 aprile 2016, new entry
Simbolismo. Dalla Belle Époque alla Grande Guerra a Palazzo Reale
Perchè l’ho messa in programma nonostante la mia annunciata pausa ?
Lo dirò a chi si iscrive.

Un grazie specialissimo a tutti coloro che erano a Milano al Binario21 e che,
terminata la visita, hanno condiviso a caldo le loro
impressioni e riflessioni.

A seguire domenica, abbiamo aggiunto il fuori
programma che mi aveva proposto Rosanna
e che ringrazio molto.
Ci siamo recati alla Fabbrica del Vapore
per “Uffizi Virtual Experience. Da Giotto a Caravaggio.”
Se potete andare (aperta fino al 10 marzo 2016) ve
la consiglio vivamente, soprattutto per i ragazzi.
E’ la prima digital exhibition immersiva e interattiva
realizzata in Italia. Troverete multiproiezioni immersive,
immagini in movimento e una tecnologia mozzafiato.
Prenotando con Culturaintour avrete un prezzo ridotto
pur recandovi all’evento singolarmente.

Ho pubblicato nella fotogallery foto bellissime.
Giovanna, una delle partecipanti, ha realizzato un
reportage veramente toccante per Binario 21.
Ho aggiunto all’album l’intenso racconto di nonna Chicca.
Mario invece si è dedicato alle spettacolari proiezioni
alla Fabbrica del Vapore.
Adoro questo vs. coinvolgimento.
Grazie Giovanna, nonna Chicca e Mario!
​Complimenti a Paola (prima volta con Culturaintour) e
Laura che domenica scorsa hanno vinto un buono
sconto per le gite al Turismo PartecipAttivo.​

Ora arriviamo alla notizia che mi fa battere il cuore.
Iniziativa “zero”: l’inizio delle ns.visite con il turismo PartecipAttivo
in collaborazione con Next Nuova Economia per Tutti

Cos’è il turismo PartecipAttivo?

Ecco la spiega con uno SMILE.
Queste sono le parole chiave che fanno capire di cosa si tratta:

S come Sostenibilità ambientale e sociale:
è questo il faro del Turismo PartecipAttivo.
Andiamo a conoscere di volta in volta le realtà che si
distinguono per la salvaguardia del territorio e le aziende
che si impegnano quotidianamente al rispetto dei lavoratori
e dell’ambiente.

M come Motivare
Le nostre visite vogliono motivare i consumatori a
essere consapevoli dei loro acquisti comprendendo che
consumare responsabilmente significa indirizzare lo sviluppo verso un’economia sostenibile.
I turisti potranno motivare a loro volta le aziende
a proseguire nel loro impegno, visitandole e
degustando i loro prodotti sostenibili e partecipando al Cash Mob Etico con l’acquisto in loco dei prodotti.

I come interagire

Interagire con le aziende è fondamentale sia
per i titolari delle imprese che per i consumatori.
Innescare un dialogo costruttivo
aziende/consumatori crea fiducia e aiuta a migliorare.

L come Laboratori

Dopo la visita in azienda, potremo assistere a
specifici laboratori per i turisti e dedicarci
alle degustazioni dei prodotti.

E come Eccellenze

Andremo a visitare e conoscere esclusivamente
aziende d’eccellenza italiane per verificare quali
sono gli interventi sostenibili che sono stati attualti nell’impresa.
Con le nostre visite contribuiremo a valorizzare
quelle più meritevoli.

Bene. Ora che ne sapete di più vi informo che
l’iniziativa zero si svolgerà domenica 20 marzo 2016
e andremo a conoscere la meravigliosa Val Bormida.

Questo il programma (in via di definizione):
partenza in pullman per Saliceto (CN) dove, per
la suggestiva ambientazione, si sta girando il film “The Broken Key”.

mattina
Apprezzeremo il territorio attraverso “le tracce dei Templari”.
Visita ai luoghi misteriosi di Saliceto e Cengio Alto, un viaggio nella
storia dove alchimia, esoterismo e simbologie arcaiche si fondono
nell’arte.
Ad accompagnarci una grandissima guida d’eccezione:
Giorgio Baietti (giornalista e scrittore)
che ha studiato a lungo questo luoghi e pubblicato numerosi libri.

pranzo
Osteria del Castello con proposte culinarie delle valli Bormida

pomeriggio
Visita dell’azienda”Origine Liquori”
Per ora è tutto!
Grazie e a presto!

Margherita

* ° * ° * ° *

Parliamo di idee e di vacanze…

, in

biz-idea-305


ciao a tutti!

IDEA!... sarà la parola d’ordine di quesa mail.

Poichè ho tantissime cose da dirvi cercherò di essere breve e schematica.

Prima cosa mi scuso per questo lungo silenzio: mamma Tecnologia ha deciso di mandarmi in vacanza.
Causa guasto, per parecchie settimane la mia zona è stata messa k.o. sia con la linea adsl che telefono fisso.
Ora sembra tutto sia tornato alla normalità.

Torniamo a noi!
Ho tantissime mail in arrivo che sto evadendo: portate pazienza intanto che vi godete il mare o la montagna.

– gita a Torino con il museo egizio.
Grazie per le numerossime adesioni.
Saremo due gruppi. Ci sono gli ultimi posti. Invio la locandina (per scarica il documento clicca sul titolo qui accanto: Torino Museo egizio).

– Idea vacanza… per chi decide all’ultimo momento.
Come qualcuno di voi ricorderà il mese scorso ho proposto un week end a Pareto (prov. AL)  distante 40 minuti di macchina dal mare.
Ci sono andata anch’io e il posto è molto carino e si dorme con una una delicata frescura. Ottimo il servizio ristorante.
Se volete approfittare per prendervi una stanza in affitto,
contattate Piero cell. 340 6872440
sito: www.paretoaffittacamere.com
Per gli iscritti alla mailing list di Culturaintour, il prezzo è veramente ottimo: stanza matrimoniale, colazione e cena euro 40,00 a persona!
 
– Visita a Expo 27 settembre
Preciso che l’iniziativa è organizzata dalle biblioteche di Fino Mornasco, Cassina e Vertemate.
Contattate direttamente i numeri indicati nella locandina che allego. (per scaricare il documento clicca sul titolo qui accanto: locandina Expo biblioteche)
 
Ora parliamo di un’idea… o meglio della forza di un’idea.
La notizia apparentemente frivola è stata annunciata anche dal Sole24ore che non è certamente noto per le notizie di rock band.

Sto parlando di questa idea: chiedere ai Foo Fighters, con un video su Youtube, di tornare a suonare in Emilia Romagna dopo quasi 18 anni.
Fabio Zaffagnini, creatore di “Rockin’1000” , l’ha sviluppata in un progetto: un anno fa infatti ha pensato di radunare 1000 musicisti
per eseguire tutti insieme uno dei più grandi successi della band e su questo evento vi ha lavorato duramente cercando anche di reperire i fondi.
“Ho letto di questa iniziativa a dicembre 2014 e ho voluto aderire subito perché mi sembrava un’idea pazzesca” – racconta Cinthia Nasisi, una cantante di
Castiglione Olona.
Finalmente il 3 agosto 2015 è stato pubblicato su youtube un video-appello indirizzato ai Foo Fighters. (cercatelo su youtube!)
Il risultato?
Un successo planetario tanto che poche ore dopo  è arrivata la promessa direttamente da David Grohl, leader
della band, che visibilmente commosso ha dichiarato  con una intensa video-rispostaCesena, ci vediamo presto! Vi amo!”.

Perchè vi ho raccontato questo fatto? Per ricordare a tutti che le idee hanno una potenza strepitosa se vengono realizzate.
Ho ripercorso con la mente i vari passaggi della mia idea di Turismo Partecipattivo e come si sia evoluta grazie al sostegno di NeXt Nuova Economia per Tutti.
Ora il progetto procede a grandi passi: grazie alla collaborazione con NeXt, della CCIAA di Savona  e dei partner sul territorio ligure, stiamo già ragionando
sulle prossime tappe per visitare le aziende d’eccellenza e su come portare il Turismo PartecipAttivo nelle altre regioni italiane.

Al termine di questa mail trovate è il link per vedere il video della nostra seconda visita organizzata a Millesimo e Cengio (Savona).


Vogliamo tutti un’economia pulita, attenta ai bisogni dell’uomo e rispettosa dell’ambiente tuttavia per realizzarla occorrono consapevolezza e impegno.
“A che serve avere le mani pulite se si tengono in tasca?“(cit. Don Milani)
Anche voi potete essere i primi 1000 musicisti che assieme a me realizzano un’idea: il nostro obiettivo non è quello di avere i Foo Fighters ma è lo stesso molto ambizioso.

Noi vogliamo creare un nuovo modello di economia sostenendo e “premiando” quelle aziende che quotidiamente si impegnano nella sostenibilità sociale (rispetto dei lavoratori),
sostenibilità ambientale ed economica.
Possiamo fare la nostra parte di protagonisti stando attenti a come spendiamo i nostri soldi.

Trovate il video anche sulla pagina facebook Culturaintour: vi ringrazio sin da ora per le condivisioni e i commenti!

Ora vi invito a cliccare su questo link: vedrete la nostra bella giornata a Millesimo e Cengio e capirete come “possiamo cambiare musica”:

https://www.youtube.com/watch?v=ldQ1E7ityag&feature=youtu.be.

Buon week end !
Vi auguro bellissime vacanze!!!
Margherita
Logo_Turismo
* ° * ° * ° *

Logo Turismo Partecipattivo

, in

ciao a tutti,

Sono veramente felice di presentarvi in anteprima il nuovo logo del  #TurismoPartecipAttivo:

Logo_Turismo

Vi piace?
In queste ore sto ultimando i dettagli per la seconda visita in Liguria.
Questa volta voglio proporvi un week end da brivido: inizia venerdì 17 luglio!

Andremo a visitare la suggestiva Valbormida. Vi anticipo per ora il programma del primo giorno che consisterà nel conoscere personalmente due produttori di eccellenza:
– l’azienda Origine laboratorio Liquori a Cengio Alto (SV) con la sua antica Osteria del Castello.
Qui assisteremo alla preparazione di un bio-cocktail con un’immancabile degustazione.

A seguire il birrifi ci o Scarampola presso il Monastero di Millesimo che produce birre utilizzando solo prodotti tipici del territorio: dal chinotto di Savona, all’albicocca o il castagno locali.
Concluderemo la giornata presso la prestigiosa Villa Scarzella con un gustoso aperitivo con i prodotti di Terre di Bormia.

Il week end proseguirà con una sorpresa al tartufo.

A presto con la locandina.

Margherita

* ° * ° * ° *

 

 

 

Cash Mob Etico al profumo di basilico

, in

Liguria, precisamente Celle Ligure, una giornata splendida di sole e un’azienda a conduzione familiare, moderna e innovativa. Basta solo aggiungere un gruppo di persone curiose e il gioco è fatto, ecco una giornata di turismo partecipattivo!

Sabato 9 maggio grazie al lavoro di Cultura in Tour di Margherita, alla disponibilità di Paolo Calcagno e della sua azienda, al supporto della Camera di Commercio di Savona e di Fiba Cisl, abbiamo potuto passare una giornata alla scoperta di come si può lavorare rispettando l’ambiente circostante e creando occupazione senza sfruttamento. Un gruppo di 30 persone ha potuto visitare l’azienda Calcagno, produttrice di basilico dop e verdure naturali in provincia di Savona e toccare con mano come la passione e i valori possano dare veramente qualcosa in più.

L’azienda agricola Calcagno è una delle imprese che hanno aderito al progetto della CCIAA di Savona di diffondere la cultura della sostenibilità come asset strategico all’interno dell’azienda e si è subito dimostrata aperta al confronto con cittadini compilando il nostro Questionario di Autovalutazione. Grazie alla proposta del Turismo Partecip-attivo l’azienda Calcagno, quindi, si è resa disponibile a far conoscere ai cittadini come lavora, quali metodi e materiali utilizza, che rapporto tiene con i suoi dipendenti.

Per completare il processo, i visitatori lasceranno un feedback sulla loro visita, sull’azienda e sui suoi prodotti, in una sintesi che andrà ad integrarsi all’Autovalutazione iniziale, confermando o smentendo quanto dichiarato dall’azienda.

Il titolare Paolo segue tutto il processo produttivo, dalla semina al confezionamento e ha deciso di investire in una innovativa caldaia a cippato di legna per riscaldare le serre. Un chiaro segno di quanto questo illuminato imprenditore ci tenga a fare in suo lavoro con il massimo rispetto dell’ambiente circostante: la terra in cui viviamo è la stessa in cui vivranno i nostri figli, se noi ce ne prendiamo cura è probabile che anche loro faranno lo stesso quando sarà il loro momento.

Al termine della visita abbiamo avuto la possibilità di imparare a preparare il pesto tradizionale col mortaio e i migliori ingredienti disponibili, e di spalmarlo appena fatto sulla focaccia genovese… solo a pensarci torna l’acquolina in bocca!

La nostra mattina all’azienda Calcagno si è conclusa con un piccolo ma significativo gesto di #votocolportafoglio: il Cash Mob Etico dei prodotti freschi dell’azienda agricola.

Acquistare da chi produce con amore non fa solo bene alla nostra salute dandoci cibo sano e sicuro, ci permette anche di scegliere quelle aziende che si impegnano ogni giorno, per il lavoro, l’ambiente e il futuro.

“Chi vende all’ingrosso perde molte informazioni utili per decidere in che direzione sviluppare la sua azienda: solo il contatto diretto con i consumatori ti permette ci capire quali sono le esigenze dei tuoi clienti. E poi il rapporto di fiducia che si crea non ha prezzo…” Paolo Calcagno ci spiega così perché queste occasioni sono preziose, da ripetere.

L’azienda agricola fornisce verdure fresche anche ad alcuni ristoranti della zona, uno di questi, precisamente Bagni Stella del Sud, ci ospita per il pranzo realizzando un menù interamente a KM zero. Sole, mare, prodotti genuini e il piacere delle scelte consapevoli, semplicemente una giornata da ripetere!

Link utili
www.calcagnopaolobasilico.it
www.culturaintour.it
www.bagnistelladelsud.it

* ° * ° * ° *

Il sogno….. una società per azioni!

, in

10495083_459864644179765_3140849190723339694_o

Buongiorno​,
​O​ggi saprete (e vedrete) tutto della​ ​​nostra visita a Celle Ligure​!​
​​
Vi assicuro che dietro una visita presso un’azienda sostenibile si aprono scenari e potenzialità di miglioramento dell’economia che superano le migliori aspettative.
“La società per azioni” a cui alludo nel titolo di questa newsletter, avrete già capito, si riferisce alla nostra capacità di poter migliorare con le nostre semplici e preziose azioni.
Primo passo: esserne consapevoli.

Se questa premessa la percepite come utopica o impegnativa, sappiate che la ns. visita presso l’azienda Calcagno è stata interessantissima e persino gioiosa.
Aggiungiamo giornata gustosa con il pranzo: piatti cucinati con i prodotti Calcagno (per esempio torta alle verdure, le tradizionali trofie al pesto con patate e fagiolini)

La giornata non la descriverò con parole mie. Pubblico l’articolo di Marcello Morchio di Genova che era con noi.

Basilico e innovazione: il Talento nella tradizione

Sabato 9 maggio ho partecipato alla visita organizzata da Next ​Nuova ​Economia per Tutti in collaborazione con Culturaintour presso l’azienda agricola Paolo Calcagno che produce basilico a Celle ligure. Pensavo ad una piacevole mattinata a contatto con un mestiere tradizionale da concludere magari con l’acquisto di una “arbanella” di pesto.

Ho scoperto invece una realtà imprenditoriale interessantissima, che prosegue una tradizione di famiglia di passione per l’agricoltura in una azienda dove efficienza, innovazione ed iniziativa vengono messe al primo posto, insieme ad una attenzione per la sostenibilità tutta particolare.
Per ottenere un prodotto agricolo che sia competitivo occorre far rendere ogni centimetro quadrato di terra valorizzandolo al meglio ogni giorno dell’anno. Ecco quindi grandi serre che consentono di tenere le piante protette ma che richiedono riscaldamento per mantenere i 22 gradi necessari tutto l’anno. Grazie ad una scelta coraggiosa del titolare, ed un programma europeo di sostegno alle aree rurali, in queste serre il calore deriva da una caldaia a biomassa, un sistema complesso ed efficiente che ha sostituito il consumo di 180 litri all’ora di gasolio con un carico di cippato proveniente dai boschi del savonese, mantenendo la filiera corta anche nel riscaldamento.

L’illuminazione poi è un altro fattore determinante nella progettazione delle serre ed anche in questo caso l’innovazione consente di conciliare il costo con l’efficienza.

Quasi per caso è nata una sperimentazione con lampade a LED nelle serre delle piante più giovani: sorprendentemente è stato rilevato un incremento della crescita, fenomeno che è ora allo studio del Centro di Sperimentazione ed Assistenza Agricola di Albenga (CeRSAA).

Prima di lasciarvi ai video, desidero ringraziare tantissimo il gruppo di affezionati di Culturaintour che hanno accolto l’invito a partecipare alla nostra prima visita organizzandosi con mezzi propri.
Un saluto a Angela (intervistata nel video) e la sua famiglia, il gruppo di Domenico, Magda e Daniela.

Se volete far parte di un cambiamento attivo, condividete sui social. Grazie se vorrete lasciare i vostri commenti.
Abbiamo elaborato i questionari che sono stati distribuiti ai visitatori e puoi scaricarli cliccando qui accanto. opinione turista partecipattivo riepilogo

​Per commentare avete a disposizione la pagina facebook di Culturaintour di Cadorago, di Next Nuova economia per tutti.
Per chi non ha facebook: c’è il “blog” nel sito culturaintour e il sito www.nexteconomia.org nella sezione “Le attività”

Questi i video, evviva!!!


​A presto!
Margherita​

* ° * ° * ° *