← Torna al blog

Gallerie tetti e seratona tra amici con aperitivo

ciao,

Oggi la newsletter la scriviamo verde menta… non crediamo funzioni quanto la frescura di montagna però la suggestione ci piace.

Per il prossimo inizio luglio abbiamo due appuntamenti: entrambe le iniziative sono realizzate con la collaborazione dell’Associazione Laboratorio11 di Milano.

La nuova visita per i camminamenti della galleria Vittorio Emanuele è domenica 2 luglio.
Trovi  la locandina facendo click sul pulsante sottostante.

Locandina Camminamenti sui tetti della Galleria

Se sarai già a Milano, ci troviamo nel cortile di Silvio Pellico 2.
Saliremo a bordo di un ascensore panoramico arrivando fino al 4° piano della Galleria, percorrendo un tunnel magico sotto un cielo di stelle, fino a  giungere sul tetto della Galleria.
Ad attenderci una passerella di 250 mt da cui potrai ammirare le guglie del Duomo e una vista panoramica dello skyline milanese.
Non basta! Cercheremo di far luce sulla figura dell’architetto Giuseppe Mengoni, l’artefice di questa foresta di ferro e vetro, che morì tragicamente dalle impalcature alla vigilia dell’inaugurazione dell’Arco Trionfale.
Tante le ipotesi..suicidio, omicidio, disgrazia?
Cercheremo di farci un’idea attraverso le testimonianze dell’epoca.

 

Conosci il posto di Milano che trovi nella foto in alto? Bella vero?
Risale al 1981! Più avanti ti diremo cos’è….per ora sappi che è lì che si svolgerà un evento nuovo: una seratona aperitivo dopo aver visitato la Triennale di Milano e i suoi giardini ove sono ospitate installazioni che meritano di essere conosciute.

​Prendi nota: Venerdì 7 luglio 2017 ti sveleremo come e perché nei primi anni del Novecento è maturata l’idea di trasferire le mostre Triennali delle Arti decorative dalla sede di Monza a quella di Milano.

Una piccola anticipazione te ​l​a raccontiamo subito. La Triennale di Milano esiste grazie a ​un ​cospicuo lascito del senatore Antonio Bernocchi, politico, imprenditore e notissimo mecenate della città di Milano che volle realizzare il sogno di dotare la città di un prestigioso Palazzo dell’ Arte.

L’edificio venne costruito nell’arco di soli diciotto mesi a partire dalla fine del 1931 e presenta il genio dell’architetto Giovanni Muzio, che ​seppe riunire elementi classici (arco, colonne) con spiccate innovazioni, come il mattone clinker, usato per la prima volta in Italia.

L’opera che risalta nei giardini è proprio​ quella della foto, “I bagni misteriosi” di Giorgio De Chirico, in cui i milanesi 36 anni fa si rinfrescavano dalla calura estiva.
​L’arte di De Chirico era per certi versi rivoluzionaria tanto da farlo sentire “un pesce fuor d’acqua” … e vedremo come.

Troveremo altre opere come la Luna, il Timpano, il Millepiedi…tutte con una storia davvero singolare.
Arriveremo così al simpatico momento aperitivo nell’elegante locale a ridosso del prato per scambiarci quattro chiacchiere.

​Dimenticavamo: la seratona si chiama “Amici ad Arte” e non “Amiche ad Arte”… ​
​Ci accompagnerà una guida mai vista, il cui nome inizia con “E” e finisce con “R”.

Vi aspettiamo​!

Per la locandina, fai click sul pulsante sottostante.

Locandina Amici ad Arte, visita alla Triennale e aperitivo

 

A presto!
Ester e Margherita

* ° * ° * ° *

Comments

comments

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre − = 0