Archivio di Luglio, 2016

Dopo il sogno c’è il risveglio…

, in

newsletter

 

 

Buongiorno a tutti!

…. e poi c’era la fila. Un sacco di gente davanti all’info point
che esponeva l’avviso
“Gite del turismo PartecipAttivo”
Sì perchè nel nome si intravede l’unione di “partecipazione” e di un’altra parola meravigliosa “attivo” .
C’erano in coda cittadini locali che volevano iscriversi perchè consci del fatto che è essenziale conoscere il proprio territorio per promuoverlo attraverso piccoli ma significativi gesti quotidiani.
C’erano cittadini di paesi limitrofi che volevano partecipare per replicare nelle loro località un’iniziativa simile.
Infine c’erano turisti che volevano portarsi a casa non solo un selfie, ma immagini, da conservare nella mente e nel cuore, di un’esperienza vissuta nel luogo visitato.

Poi mi sono svegliata. Il sogno era lì che aleggiava ancora. Era
rimasto solo un pensiero nella mia testa.

“Certo” – mi direte – “Funziona proprio così. E’ dura la realtà.”

Quello che è successo dopo forse vi sorprenderà.
“Bene!” mi sono detta “Oggi farò un altro passo, forse piccolo, ma un altro passo per arrivare a quel sogno”. (Niente di nuovo visto che il metodo è così, uguale per tutti, anche per i vostri sogni).

Tempo fa una cosa l’ho capita bene quando ho letto un manuale sull’autostima:

“Se dai scarso valore a te stesso, sta sicuro che il mondo non alzerà il prezzo.”

Questo insegnamento credo valga anche per il territorio in cui si vive. Su questo argomento ci sono un sacco di cose da raccontarvi e lo farò con un post specifico.

Quello che conta ora è che una nuova visita in Valbormida ci attende.
Torneremo a visitare una valle che, grazie alla passione e l’impegno delle associazioni, dei comuni e degli abitanti, è tornata ad essere rigogliosa anche se in passato ha subìto pesanti e tossici insediamenti industriali.
A crederci, e a concretizzare la rinascita della Valbormida, sono stati anche i produttori agroalimentari, riunitisi nell’associazione Terre di Bormia”.
Hanno sviluppato imprese all’insegna della sostenibilità ambientale e sociale, lavorando con impegno e promuovendo, con grande passione, le tradizioni e i prodotti locali.
La nostra visita di sabato 23 luglio avrà un taglio speciale: “dalle parole ai fatti”.

Visiteremo i luoghi “misteriosi” descritti nell’ultimo romanzo di Giorgio Baietti, autore di numerosi libri ambientati in Valbormida. Sarà lui in persona ad accompagnare i nostri turisti PartecipAttivi. A rendere ancora più gustosa la giornata sarà la tradizionale “merenda sinoira” preparata con i prodotti “sostenibili” della valle.
Imperdibile la visita di una delle aziende d’eccellenza: “Origine Green Spirits”

Ringrazio tantissimo coloro che si sono già iscritti per la seconda volta a questa gita: naturalmente con la replica avremo un percorso è inedito.
Vi lascio a una bellissima settimana e tenetevi pronti che in autunno conosceremo una sostenibilità fuori dal mondo, una cosa spaziale… e non sto scherzando.
Per chi è curioso, la parola d’ordine è “D-Orbit”. Intanto ringrazio la commissione biblioteca di Cadorago per aver fatto conoscere questa realtà.

p.s. per gli scettici e i pessimisti:
una notizia impensabile è stata resa nota a luglio 2016 da alcuni studiosi. Ci sono i primi segni di guarigione del buco nello strato di ozono antartico. Susan Solomon, che insegna chimica atmosferica e scienza climatica alla Ellen Swallow Richards del MIT, sottolinea: «Ora possiamo essere sicuri che le cose che abbiamo fatto hanno messo il pianeta sulla strada della guarigione. Il che è abbastanza buono per noi, non è vero? Non siamo sorprendenti noi esseri umani, che abbiamo fatto qualcosa che ha creato una situazione che abbiamo deciso insieme, come mondo”.

Quindi pensate che risultati possiamo averei con le buone abitudini e comportamenti virtuosi. Forza! Si può fare magari iniziando a condividere questa mail con i vs. amici o colleghi.

Per leggere l’articolo:
http://www.behindenergy.com/primi-segni-di-guarigione-de…/…/

A prestisssimo!
Margherita

* ° * ° * ° *