Archivio di Dicembre, 2015

riepilogo e i miei auguri-auguri!

, in

cambiare il mio lincoln ok

​ciao a tutti!

Parto subito con un veloce riepilogo e poi ci dedichiamo a una bella chiacchierata.

Se avete in mente di regalare un biglietto per la mostra di Giotto o di Gauguin, è
bene che pensiate al piano B. Infatti mi preme comunicarvi che:

– Mostra Giotto. L’Italia, domenica 3 gennaio
Gruppo al completo con una lista d’attesa per eventuali defezioni.
Mi spiace non aver potuto aggiungere altre date in quanto è tutto già prenotato.

– Mostra Gauguin domenica 17 gennaio
Solo due posti.

A inizio gennaio vi invierò la programmazione febbraio.
Ora passo alla nostra chiacchierata.

Non so se è successo anche a voi: il mese scorso dopo quello che è accaduto in Francia,
per non parlare di quello ​che ne ​è seguito, ho avuto il desiderio di scappare.
Scappare perchè mi pareva che come unica soluzione ci fosse quella di voler fermare
il mondo e di scendere: proprio come suggeriva quel vecchio slogan pubblicitario.

Presto però concludevo che anche con questa ipotesi fantascientifica ci sarebbe stato
un trasloco “mondiale” e saremmo stati punto e a capo.
Dunque ? Come se ne viene fuori?

Di certo c’è che abbiamo le orecchie e gli occhi farciti di paura, violenza, degrado, sconforto.
E’ anche certo che se continuiamo ad alimentare così la ns. mente con visioni apocalittiche,
inevitabilmente continueremo a proiettare questo scenario nella realtà anche con i nostri
comportamenti.
Vi dice niente il fatto che abbiamo giovani che smettono di aver sogni e di avere fiducia nel futuro?
Abbiamo disoccupati che non fanno più domande di lavoro, rapporti sociali in decadenza.
Anch’io sono caduta nella trappola di pensare amareggiata:
“Eh sì…si stanno perdendo i valori etici, morali di una sana comunità”.
Brava – mi sono detta – ma se io stessa inizio a considerarli come antiche usanze o
reliquie come posso continuare a metterli in pratica?

Non sto dicendo che bisogna vedere la vita con “gli occhialini rosa” dove tutto è bello e la
gente salterella felice per le vie della città.
Sto dicendo che bisogna capire che non possiamo noi singolarmente cambiare il mondo intero
ma possiamo cambiare il NOSTRO mondo: quello che è soggetto ai nostri
comportamenti o alle nostre scelte.
Faccio un esempio e condivido con noi un episodio accaduto in famiglia.
Mio figlio allena i bambini a calcio e mi ha raccontato che ci sono ragazzini svelti e altri che
fanno veramente fatica a correre e a muoversi con scioltezza.
Memore delle sue esperienze d’infanzia, quando lui stesso giocava a calcio e vedeva
alcuni suoi compagni soffrire perchè umiliati e tenuti da parte perchè non erano
dei “maradona”, ​ ​adotta un atteggiamento diverso da quello che ha vissuto.
Lui, i suoi “pulcini”, li incita, li incoraggia tutti e insegna loro che non devono
essere “i” migliori​ ​ma semplicemente migliori. Migliori rispetto a loro stessi, a quando
hanno iniziato, migliori​ ​rispetto a quando ancora dovevamo imparare a giocare,
allenarsi e impegnarsi.
Questo fatto mi ha reso felice. In questo contesto lui ha cambiato il suo mondo e di
conseguenza ​l​a visione del mondo che avranno questi bambini, sicuramente più fiduciosi
di se stessi, più felici di essere in una squadra e capaci di vivere con gioia lo sport.
Impareranno che gli errori saranno​ un momento per ricominciare,
per dare di più, per rialzarsi e riprovare.

In un articolo ho letto :
Martin Luther King nel suo discorso ispirato ai movimenti dei diritti civili,
non ha esclamato: “Ho un incubo”.
Ha esclamato “ho un sogno!”

Ecco ! Questo è il mio messaggio.
Possiamo smettere di pensare che il futuro sarà un incubo e questa è una sfida,
è un impegno a cui dobbiamo attenerci.

Questa mail sarà cestinata o difficilmente sarà riletta.
Vi voglio lasciare con un solo concetto: la felicità non è un diritto.
S​ì​,avete letto bene. Non è un diritto ma un dovere verso noi stessi.
Se vedremo la felicità con questo atteggiamento non ci troveremo ad aspettare
che la magia ci cali da chissà quale evento o da chissà quale persona.
La nostra felicità deve essere un impegno quotidiano.

Desidero augurarVi un Natale sereno con l’auspicio che abbiate
la volontà di cambiare il vostro mondo a partire dal prossimo anno​ e perchè no…
anche da oggi​!
Felice 2016!

​Margherita​

* ° * ° * ° *

Con Giotto un regalo …a tuttotondo!

, in
MUDEC serata di inaugurazione, Milano 26/03/2015.  Ph: Fabrizio Stipari  //  24OreCultura

MUDEC
serata di inaugurazione, Milano 26/03/2015. Ph: Fabrizio Stipari // 24OreCultura

​Buongiorno a tutti!
Eccomi con le locandine per gennaio e parliamo del 2016!
Accidenti come passa….

– Giotto​, mostra a Milano Palazzo Reale​
​​domenica 3 gennaio 2016

Clicca sul titolo qui accanto per scaricare il pdf. locandina Giotto

– Gauguin​, mostra​ a Milano al Mudec ​
domenica 17 gennaio 2016

Clicca sul titolo qui accanto per scaricare il pdf.locandina Gauguin
​Questa mostra è anche un’occasione per po​rtarvi a conoscere​ un nuovo edificio inaugurato lo scorso marzo.
Il Mudec, Museo delle Culture, si trova in via Tortona, 56 (Porta Genova) ​ed è una parte della struttura che ospitava gli stabilimenti dell’Ansaldo ora completamente recuperata: vedremo una zona industriale dismessa che sta diventando avanguardia nella città che cambia.


​Tornando alle iniziative, ho pensato che ​​po​tr​e​ste fare un dono per Natale ​fatto di bellezza​, colori sfavillanti​ e amore per il sapere​.
Ho preparato una versione regalo delle locandine ​dalle quali ho tolto i dettagli “superflui”.
​Sono da stampare e mettere sotto l’alberello.​
Clicca sul titolo qui sotto per scaricare il pdf.
locandina Giotto regalo
locandina Gauguin regalo

​Per il 2015 con il Capodannificio a Cantù abbiamo abbiamo superato 30 adesioni!
Evviva!

​Buona settimana a tutti e se volete vedere Torino​ e ricordare la meravigliosa giornata, eccovi l’album foto gita del 22 novembre.
​Ho evitato doppioni con foto”interno museo ” perchè ce ne sono tantissime nell’album di domenica 13 settembre.

​A presto.
Margherita​

* ° * ° * ° *